faccio fatica a non avere una risposta cinica alle disgrazie mondiali. ascolto il telegiornale, ricevo news sul telefonino, mi tengo aggiornata ma difficlmente mi causano sentimenti quali pena, orrore, terrore, paura, tristezza.
non sono insensibile, ma desidero vivere per quanto sia possibile serenamente e per farlo credo sia meglio non accollarsi i probemi di un mondo che è una discarica. è meglio non pensare a dove viviamo, a cosa succede a qualche centinaio di chilometri da noi, a cosa succederà con l’effetto serra e l’inquinamento. io vivo adesso, mi importa sopravvivere.
ma stamattina ho letto questo e ho pianto.
non metterò immagine perchè le immagini che ci sono sono strazianti e avrei preferito non vederle.