l’avere l’uomo clown accanto a me ieri, lunedì, invece del martedì o giovedì solito, ha prodotto due risultati:
– esasperata dal male alla schiena e alla testa e da lui, ho chiesto un ora e mezza di permesso e sono andata a casa alle 5.
– mi ha scombussolato la settimana, mi sembra mercoledì oggi.

a parte questo voglio dire solo una cosa.
viva
i
saldi

lo so, dovrei piantarla di spendere soldi in vestiti e scarpe, ma è più forte di me! (non che ne spenda poi tanti, un capo d’abbigliamento al mese è già tanto).
sto rifacendo il guardaroba. da top minuscoli che arrivavano ben più su dell’ombelico, ora solo cose lunghe (non me li posso più permettere i top :'()

dall’inizio dell’anno ho comprato.
una camicia – la mia prima camicia! – mezze maniche bianca.
pantaloni: bianchi in cotone, due paia di jeans normali, pantaloni marroni di tessuto fichissimo della onix, pantaloni larghissimi azzurri di cotone.
magliette sbracciate, accollate (il modello che adoro di più in assoluto): una nera, una bianca a macchie marroni/nere.
la borsetta di playboy :love:
scarpe: scarpe da schiava con il laccio rigido a spirale, tacco indicibile (non sono capace a camminarci io, che porto tacchi di 15 cm.), nere, a sabot. scarpe a sabot con tacco di 13 cm., nere, semplici, adorabili :*. scarpe bianche, tacco basso – 5cm.
gonne: gonna lunga beige "a sezioni", così si allarga sul fondo. gonna in jeans. minigonna :O frush-frush nera in velluto a coste.
intimo: completini :O (non ne ho mai avuti). di intimissimi, nero normalissimo trasparente. panna in pizzo (mai avuto niente in pizzo) con striscioline nere che fanno molto moda francese ottocentesca. rosa, normale, della fila. nero della fila. fico. comincio a divertirmi a scegliere l’intimo, invece che prendere qualunque cosa sia nera e in lycra e liscia.

altro? non credo.
ne sono quasi soddisfatta.