da steffoz

Ho sottolineato le parti che a parer mio mi rispecchiano di più. Praticamente ho sottolineato tutto :oops:

Test di personalità

Angy, le tue risposte nelle varie scale sono state:

Estroverso      +-+-+-+-+-+-+-+-+-+-+ Introverso
                                 88%
Sensazioni      +-+-+-+-+-+-+-+-+-+-+ iNtuizioni
                              73%
Pensiero (T)    +-+-+-+-+-+-+-+-+-+-+ Sentimento (F)
                     26%
Pianificato (J) +-+-+-+-+-+-+-+-+-+-+ Spontaneo (P)
                         47%    

Introverted iNtuitive Thinking Judging – INTJ

Agli estranei, le persone con temperamento INTJ possono dare l’impressione di avere una particolare determinazione, una incrollabile fiducia in se stessi. Questa fiducia, spesso scambiata erroneamente per semplice arroganza, è specifica di un certo campo piuttosto che generalizzata: la sua fonte risiede nella conoscenza particolareggiata dei sistemi che la maggioranza degli INTJ cominciano a costruire fin dai primi anni di vita. Quando si arriva alla loro area di esperienza, e un INTJ può averne molte, sapranno dirvi subito esattamente se possono o no aiutarvi, e se sì, come. Un INTJ sa quello che sa e forse più importante ancora, sa quello che non sa.

Gli INTJ vivono nel mondo delle idee e della pianificazione strategica. Tra le cose che valutano di più c’è la competenza, l’intelligenza e la conoscenza. Sono perfezionisti, con una capacità apparentemente infinita di migliorare qualsiasi cosa catturi il loro interesse. Quello che li previene dal rimanere impantanati in questa rincorsa alla perfezione è il pragmatismo così caratteristico del loro temperamento: applicano costantemente (a volte con spietatezza) il criterio "Serve?" a qualsiasi cosa, dai loro sforzi di ricerca alle convenzioni sociali prevalenti. Questo causa una indipendenza di pensiero assolutamente inusuale, liberando le persone con questo temperamento dai vincoli di qualsiasi autorità, convenzione o opinione fine a se stessa. Ogni autorità, sia essa basata sulla posizione, sui titoli, sul grado, sulle pubblicazioni, non ha alcuna forza che non sia quella delle idee che rappresenta. Slogan, dottrine, dogmi non hanno alcuna presa sugli INTJ. Se un idea o posizione gli appare condivisibile sarà adottata, altrimenti no e non importa chi la ha presentata o l’appoggia. Come per gli INTP, l’autorità in se non ha alcun valore per gli INTJ. Questo non significa che ignorino le regole, infatti gli INTJ tendono a rispettarle quando le ritengono utili, ma potrebbero non condividerle. Il paradosso viene risolto dalla loro particolare visione del mondo, dominata dal pragmatismo.

Pur essendo aperti a tutte le nuove idee (gli INTJ cercano avidamente nuove idee, nuovi punti di vista, nuove opinioni su ogni cosa), diversamente dagli INTP (architetti), gli INTJ non inseguono le idee più che possono, cercando di sviscerarle e di comprenderle in pieno, ma cercano di arrivare ad una conclusione. L’interesse primario di un INTJ non è la piena comprensione di un concetto ma la sua applicazione pratica.
Gli INTJ sono conosciuti come i "Costruttori di Sistemi" fra i vari temperamenti, forse perché posseggono l’ inusuale combinazione di immaginazione ed affidabilità unite a questo desiderio di concludere.

Sul lavoro abbracciano gli obiettivi dell’istituzione molto seriamente e si sforzano continuamente per raggiungerli. Questo li rende collaboratori impegnati e leali, e leali al sistema piuttosto che alle persone che lo compongono. Così se le persone vanno e vengono, gli INTJ non hanno grandi difficoltà, diversamente dagli NF, che legano la loro lealtà più alle persone che al sistema. Gli INTJ, solitamente, tendono a mettere in luce gli aspetti positivi ed evitare i commenti inutilmente negativi: sono interessati all’ evoluzione del sistema, non a dolersi degli errori passati.

Gli INTJ possono essere molto severi con se stessi e con gli altri durante un progetto. Chiunque batta la fiacca, inclusi i superiori, perderà il loro rispetto, e ne sarà quasi sempre informato; talvolta alcuni INTJ hanno anche mostrato di prendere decisioni critiche senza consultare i superiori o i colleghi. D’altra parte, tendono ad essere scrupolosi e imparziali nel riconoscere i contributi individuali che hanno concorso in un progetto, e hanno il dono di afferrare opportunità che la maggioranza delle persone non riescono neppure a riconoscere; hanno però spesso bisogno di stimoli esterni quando incominciano nuovi progetti o relazioni per decidere che vale la pena di impegnarvisi.

Il forte bisogno di comprendere e organizzare combinato con la naturale intuizione li rende eccellenti scienziati, capaci di descrivere le loro idee in forma comprensibile agli altri, anche se non è facile per loro esprimere le proprie astrazioni, visioni e immagini mentali, perché la loro forma interiore è altamente personale e non sempre condivisibile con gli altri così com’è. Comunque gli INTJ sono capaci di tradurre le proprie idee in un piano o sistema che è di solito facilmente spiegabile, certamente più di una traduzione diretta dei loro pensieri. Proprio la capacità di considerare solo i fatti rilevanti e trascurare quelli irrilevanti (magari senza riuscire a spiegare pienamente le ragioni che li rendono irrilevanti) è il maggiore ostacolo ad una traduzione diretta dei pensieri degli INTJ. Il loro estremo rispetto dell’intelligenza e conoscenza è però uno stimolo formidabile a rendere questa spiegazione, anche se spesso solo alle persone che gli INTJ sentono "meritare" questo sforzo.

Nel senso più ampio, quello che gli INTJ "fanno" ha la tendenza ad essere ciò che "conoscono". Le tipiche scelte di carriera degli INTJ sono nell’ambito scientifico e ingegneristico, ma possono essere trovati ovunque sia richiesta la combinazione di intelletto e acutezza (ad esempio in legge,o in altre aree accademiche come l’economia). Possono arrivare a ricoprire posizioni manageriali quando hanno la volontà di investire tempo nel marketing delle loro abilità così come fanno normalmente per migliorarle, e molti trovano utile imparare a simulare un certo conformismo di facciata per mascherare il loro naturale anticonformismo, talvolta per il desiderio di privacy o per amor di ambizione.

Gli INTJ sono leader naturali, sebbene di solito preferiscano rimanere dietro le quinte finché non ritengano realmente necessario assumere la guida. Quando ricoprono questo ruolo sono tipicamente molto efficaci, perché hanno la capacità di vedere obiettivamente la realtà delle situazioni e sono sufficientemente duttili per cambiare le cose che non funzionano bene. L’interesse maggiore degli INTJ verso il mondo esterno è il prendere decisioni, esprimere giudizi e mettere ogni cosa incontrino sul loro cammino in forma chiara, comprensibile e razionale. Quando a queste qualità non si unisce l’abilità di esprimere le proprie intuizioni, gli INTJ tenderanno ad essere bruschi e concisi con le persone ed anche ad isolarsi; comunque si troveranno spesso a essere fraintesi. E in questi casi tenderanno ad incolpare le "limitazioni" delle controparti piuttosto che la loro incapacità di espressione. Per questo motivo finiranno per dare la falsa impressione di essere arroganti ed elitari, anche perché con gli estranei gli INTJ si contraddistinguono per il loro comportamento estremamente controllato, non prendendo mai l’iniziativa per primi e mantenendo una grande distanza. Talvolta questa maschera inespressiva può venire sollevata durante una conversazione ispirata e un emozionalità inattesa può emergere: i loro occhi brilleranno di una luce viva e la loro passione crescerà al progredire della discussione, ma anche in questo caso un INTJ cercherà di mantenere il suo autocontrollo.

Le relazioni interpersonali, in particolare quelle romantiche, possono essere il tallone d’Achille degli INTJ. Sebbene siano capaci di un comportamento profondamente altruista verso gli altri (di solito pochi e ben selezionati) e siano pronti a spendere una grande quantità di tempo ed energie in una relazione, la conoscenza e sicurezza di se che li rende così abili in altre aree può improvvisamente abbandonarli o trarli in inganno nelle relazioni interpersonali.

Questo accade in parte perché gli INTJ non afferrano prontamente i
rituali sociali; ad esempio tendono ad avere poca pazienza e una scarsa comprensione per cose come le chiacchiere da salotto o le civetterie
(che per molti altri temperamenti sono metà del divertimento in una relazione). Per complicare le cose, gli INTJ sono spesso persone estremamente riservate, e possono essere così impassibili da renderli facilmente incompresi e mal giudicati. E come se non bastasse, dietro questa facciata fredda e riservata sono solitamente (e nascostamente) ipersensibili ai segnali di rifiuto che potrebbero provenire dagli altri, in particolar modo da coloro a cui tengono di più. Forse il problema maggiore è che gli INTJ vogliono veramente che le persone siano razionali (really want people to make sense. :-)). Questo qualche volta finisce per portare a una strana ingenuità, simile a quella di molte persone di tipo F, solo che invece di aspettarsi un inesauribile affetto ed empatia da una relazione romantica, gli INTJ si aspetteranno un inesauribile ragionevolezza e franchezza.

Molte persone reagiscono a questa difficoltà di comprendere gli INTJ cercando di evitarli, per la loro riservatezza e la malintesa freddezza. In verità, anche se gli INTJ non dimostrano facilmente i loro sentimenti (talvolta neppure alle persone che sentono più vicine) e non lodano gli altri quanto meriterebbero, questo non significa che non provino affetto o stima, solo che non si sentono a loro agio nel mostrare questi sentimenti pubblicamente. Ad aggravare le cose, spesso le loro espressioni e comportamenti non riflettono quello che realmente provano. Altre persone hanno la falsa impressione che siano rigidi e vogliano fare tutto a modo loro. Niente di più falso: gli INTJ si impegnano a trovare sempre, in modo razionale ed obiettivo, la migliore strategia per implementare le proprie idee e sono quindi estremamente aperti nell’ascoltare modi alternativi di fare le cose e nell’abbracciarli se li giudicano più efficaci o efficienti.

Probabilmente le maggiori risorse degli INTJ nell’area delle relazioni interpersonali sono le abilità intuitive e la loro volontà di impegnarsi per una relazione. Sebbene come le altre personalità di tipo T gli INTJ non sempre abbiano quel tipo di naturale empatia che molti F hanno, la loro intuizione può spesso agire come un buon sostituto, sintetizzando il probabile significato dietro a cose come un tono di voce, un giro di parole, un’espressione. Questa abilità può essere affinata e diretta da ripetuti sforzi di comprendere e sostenere coloro di cui hanno interesse, e quelle relazioni che alla fine vengono stabilite con un INTJ tendono ad essere caratterizzate dalla loro robustezza, stabilità e buona comunicazione.

Il principale problema di molti INTJ è l’incapacità di promuovere il proprio talento e farlo conoscere agli altri. Talvolta questo è aggravato da una mancanza di fiducia in se stessi (magari nascosta) che amplifica il problema.

Punti di forza

Non si sentono minacciati da critiche o conflitti
Prendono molto seriamente i loro impegni o relazioni
Generalmente estremamente intelligenti e capaci
Capaci di rompere una relazione che deve essere conclusa, sebbene dopo vi rimuginino sopra per molto tempo
Interessati ad ottimizzare le relazioni
Ottimi ascoltatori

Punti di debolezza

Per natura poco capaci di capire i sentimenti, possono talvolta mostrare insensibilità
Tendono a reagire alle avversità con logica e ragionamento invece che dando supporto emotivo
Di solito non molto bravi nell’esprimere sentimenti ed affetto
Tendenza a credere di avere sempre ragione
Tendenza ad accettare con difficoltà le colpe
La costante tendenza a migliorare tutto può essere onerosa nelle relazioni
Tendenza a tenere per sé parte del loro essere

INTJ come amici

Gli INTJ sono difficili da conoscere bene e difficili da avvicinare. Ma coloro che riescono nell’impresa sono entusiasti delle loro idee e conoscenze, della loro lealtà e del fatto di poter contare su di loro in ogni momento, purché siano disposti a chiedere esplicitamente.

Sebbene gli INTJ siano generalmente estremamente seri, amano lasciarsi andare e divertirsi se qualcun’altro li spinge a farlo. Possono inoltre essere molto bravi nel raccontare storie e nel mostrare una vena sarcastica con una faccia da poker.

Gli INTJ difficilmente scelgono di spendere tempo con le persone che ritengono non abbiano niente da offrire. Al contrario amano la compagnia di altri pensatori intuitivi (NT) e soprattutto degli NF. Queste personalità amano speculare e teorizzare idee nuove e così stimolano gli INTJ che amano analizzarle.

Molti INTJ credono di avere sempre ragione. In alcuni questo è evidente, in altri è più subdolamente nascosto. Alcune persone hanno difficoltà ad accettare quello che interpretano come "complesso di superiorità" o snobismo. Questo non significa che gli INTJ siano snob o si sentano superiori, solo che alcune persone (specialmente F) possono percepirli in questo modo. E molte persone semplicemente non hanno interesse per la ricerca teorica che piace così tanto agli INTJ.

INTJ innamorati

"Amare significa aprire noi stessi al negativo così come al positivo – al dolore, alla tristezza, alla delusione così come alla gioia, all’appagamento e a un intensità di consapevolezza che non sapevamo fosse possibile" – Rollo May

Gli INTJ vivono buona parte della loro vita dentro la loro testa. Qualche volta ciò che interiormente vedono e capiscono è più puro e perfetto della realtà di una stretta relazione. E possono avere difficoltà a riconciliare la realtà con la loro fantasia. Inoltre non sono bravi nel capire sia i loro sentimenti, sia quello che provano le altre persone. Questo può essere un problema quando inavvertitamente ferisce il partner.

Nelle situazioni conflittuali un INTJ deve ricordarsi di sostenere il proprio partner, invece di trattare il conflitto come un interessante idea da analizzare. Quando rifiutati, gli INTJ si ritireranno nel proprio mondo interiore senza condividere con altri i propri sentimenti feriti (e sono ipersensibili ai segnali di rifiuto, magari inconsci o così deboli da passare inosservati, delle persone care).

Gli INTJ sono persone intense, intelligenti, che portano un sacco di profondità e intuito in tutte le aree della propria vita. Sessualmente amano pensare all’intimità e al modo di migliorarla e la loro creatività brilla per intensità in questo campo.

Sebbene due individui maturi di qualsiasi tipo possano avere una relazione di coppia felice, il partner naturale di un INTJ è un ENFP o un ENTP, per la perfetta combinazione tra l’intuizione introversa dell’INTJ con l’intuizione estroversa di questi due tipi. Su cosa si basa quest’accoppiamento?

Vita di relazione

Gli INTJ credono nella crescita costante delle relazioni ("Ci vuole molto tempo per farsi un vecchio amico") e si battono per la propria e altrui indipendenza. Prendono i propri impegni molto seriamente, ma sono pronti a ridefinire le proprie promesse se hanno prova che gli accordi possono essere migliorati nell’in
teresse di tutti i contraenti. Gli INTJ non sono di solito particolarmente abili nel cogliere i sentimenti dei compagni o dei figli, sono però individui estremamente intelligenti e capaci che si sforzano di essere al meglio e di progredire. Quando questa attitudine è applicata alle relazioni interpersonali comporta una sana e felice interazione con la famiglia e gli amici.

Genitori INTJ

Come genitori l’obiettivo degli INTJ è crescere i propri figli e renderli intelligenti, autonomi ed indipendenti. Vogliono che i loro bambini pensino con la loro testa e prendano le loro decisioni e quindi gli daranno tutto lo spazio necessario per crescere, per esplorare i propri pensieri e prendere le loro decisioni nei momenti chiave della vita. Qualche problema potrebbe presentarsi con i bambini di tipo F, con i quali gli INTJ devono ricordare di tenere in maggior conto i loro forti bisogni emozionali.

Carriera

Quali sono i tratti della personalità che influiscono sulla carriera? E quali sono le cose veramente importanti, che finiscono per guidare alla scelta della propria strada nella vita? Rispondere a queste domande aiuta a capire la propria strada, anche se non esistono risposte sempre valide.
Gli INTJ hanno generalmente i seguenti tratti:

Capaci di assorbire materiale teorico estremamente complesso
Amano creare ordine e strutture attraverso astrazioni teoriche
Eccelsi strateghi
Orientati al futuro
Hanno una visione globale, non si perdono nei dettagli
Forti intuizioni e visione, in cui implicitamente fidano
Valutano le proprie opinioni più delle altre
Amano difficoltosi lavori teorici
Annoiati dalla routine, specie quella banale
Valutano molto la conoscenza e l’efficienza
Non hanno pazienza verso la confusione e l’inefficienza
Hanno standard qualitativi estremamente alti, specialmente con se stessi
Riservati e distaccati
Calmi, padroni di sé e analitici
Estremamente logici e razionali
Originali ed indipendenti
Leader naturali, ma pronti a seguire quelli che stimano
Creativi, ingegnosi, innovativi e pieni di risorse
Lavorano meglio soli e preferiscono lavorare soli

Più di ogni altra personalità gli INTJ sono brillanti quando trattano con complesse teorie per applicarle ai problemi reali e creare strategie di lungo periodo. Siccome questo tipo di lavoro da stratega è il centro dell’attenzione e delle pulsioni degli INTJ, c’è un felice accoppiamento tra desideri e abilità in questo carattere. Quindi un INTJ sarà felice ed efficace nelle carriere che permettono questo tipo di processo e che sono caratterizzate da un ambiente in cui all’INTJ sia lasciata la massima autonomia sulla sua vita di tutti i giorni. Tra queste ci sono:

avvocato
consulente di direzione
scienziato
ingegnere
professore universitario
new business developer
giudice
pianificatore strategico
analista/programmatore di computer
amministratore
pianificatore finanziario
economista
medico/dentista
architetto

Naturalmente non è detto che la carriera migliore per un ben determinato INTJ sia tra queste, solo che statisticamente queste sono più rappresentate di altre nelle scelte di INTJ che si dichiarano felici della loro carriera. Secondo lo stesso studio le dieci attività meno scelte dagli INTJ sono:

commessi nel commercio alimentare
uomini/donne delle pulizie
commessi e negozianti
portieri/receptionist
cassieri
bidelli
guardie carcerarie
inservienti ospedalieri
fisioterapisti
autisti di scuolabus

INTJ Famosi

Cesare Augusto (Gaius Julius Caesar Octavianus), Imperatore di Roma
Annibale, capo militare Cartaginese
Dan Akroyd, attore (The Blues Brothers)
Susan B. Anthony, suffragetta
Arthur Ashe, campione di tennis
Jane Austen, scrittrice (Orgoglio e Pregiudizio)
Raymond Burr, attore (Perry Mason, Ironsides)
Chevy Chase (Cornelius Crane), attore (Fletch)
Veronica Hamel, attrice (Hill Street Blues)
Orel Leonard Hershiser, IV, major league baseball pitcher
Ivan Lendl, campione di tennis
C. S. Lewis, scrittore (The Chronicles of Narnia)
Edwin Moses, atleta olimpico (US, corsa a ostacoli)
Martina Navratilova, campionessa di tennis
Pernell Roberts, attore (Bonanza)
Maria Owens Shriver, television newscaster
Joan Lunden, television talk show host
Charles Everett Koop, former U.S. surgeon general
Peter Jennings, television newscaster
Phil Donahue, US television talk show host
Josephine Tey (Elizabeth Mackintosh), mystery writer (Brat Farrar)

Nella narrativa:

Cassio (Giulio Cesare)
Mr. Darcy (Orgoglio e Pregiudizio)
Gandalf the Grey (J. R. R. Tolkien’s Middle Earth books)
Hannibal Lecter (Il silenzio degli innocenti)
Professor Moriarty, Sherlock Holmes’ nemesis
Guardiamarina Ro (Star Trek–the Next Generation)
Rosencrantz and Guildenstern (Hamlet)
George Smiley, John le Carre’s master spy
Clarice Starling (Il silenzio degli innocenti)

U.S. Presidents:

  • Chester A. Arthur
  • Calvin Coolidge
  • Thomas Jefferson
  • John F. Kennedy
  • James K. Polk
  • Woodrow Wilson