Ieri sera cena a casa nostra
– pasta gamberetti e zucchine, gentilmente offerta da night
– patè di tonno, gentilmente offerto da me

In tutto eravamo in 7 (sembra impossibile che ci stessimo nella mia cucina, ma è così): io, night, luke, laury, tia, dory e ele.

Scena 1, Atto I
Inquadratura della cucina ben pulita con un maschio bianco di età media seduto al tavolo che sguscia una montagna di gamberetti e una donna bianca di età media di bellezza quasi paradisiaca.
"Beeeeeeep"
"Vai tu perfavore."
una voce con lieve inclinazione effemminata dice: "Chi è?"
"Ok salite"
Inquadratura di attesa con i due individui che continuano a svolegre i loro doveri.
"Ciao! Chiudete che esce il gatto!"
"Il gatto?!?!?!"
"OH NO! E’ tornato il gatto?"
vabeh che è brutto e nero, ma far finta di volergli bene potrebbe essere carino nel rispetto dei padroni di casa
"Noi vi avevamo portato questo! Ma adesso c’è il gatto!"
La donna bellissima si blocca e sbianca per un attimo intimorita che ci sia un gattiono nuovo dentro quella borsa.
Una chiara espressione di sollievo si disegna sul volto della ragazza (discutere con primattrice questa parte per renderla al meglio sotto le luci di scena) quando vede uscire una palla con un pesce.

Evviva.

Ieri senza un solo essere vivente, oggi abbiamo un gatto e un pesce.
Spero che a nessuno salti in mente di regalarmi un cane per il mio compleanno.