QUESTIONI PREGIUDIZIALI

Conversione in legge del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, recante interventi per contrastare la diffusione telematica abusiva di materiale audiovisivo, nonché a sostegno delle attività cinematografiche e dello spettacolo.

N. 1.

Seduta del 31 marzo 2004

      La Camera,

          premesso che:

              le terminologie utilizzate dall’articolo 1 del decreto non risultano conformi alle definizioni della normativa europea ed in particolare alle direttive 2000/31 CE sul commercio elettronico e 2001/29 CE sulla tutela del diritto d’autore. Tale indeterminatezza nominalistica non consente una precisa individuazione dei destinatari delle norme e quindi una graduazione delle misure sanzionatorie, violando in tal modo sia l’articolo 117, primo comma, della Costituzione – in quanto assoggetta la potestà legislativa al rispetto dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario – sia il classico principio costituzionale della proporzionalità della sanzione;

              la tutela del diritto d’autore limitatamente al solo settore delle opere audiovisive crea una irragionevole disparità di trattamento rispetto alle altre opere dell’ingegno, in violazione del principio di uguaglianza previsto dall’articolo 3, primo comma, della Costituzione;

              il comma 3 dello stesso articolo 1 opera inoltre una violazione dell’articolo 109 della Costituzione prevedendo un’attività di polizia giudiziaria non coordinata dall’autorità giudiziaria,

delibera

di non procedere nell’esame del provvedimento.

:lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol: