http://punto-informatico.it/p.asp?i=47374

Roma – 1.500 euro: questa la somma che dovranno pagare coloro che siano colti a scaricare film da Internet ad uso personale. Una somma che sale tra i 2.500 e i 15.000 euro, con reclusione da sei mesi a tre anni, qualora lo scaricamento avvenga con finalità commerciali.

In una conferenza stampa che ha seguito il Consiglio, un ministro visibilmente soddisfatto ha spiegato che qualora le sanzioni contro il download si rivelino efficaci per il cinema, il Governo ha intenzione di espanderle anche allo scaricamento di musica.

Si rivelino efficaci?
Si, giusto, non posso più scaricare e mi metto a spendere 20/25 anche 30 euro per comprare un cazzo di DVD?
Oppure, spendiamo quei bei 6.50 al cinema, per vedersi un film con il coglione dietro che me lo racconta o quelli davanti che ridono o i due che non hanno una casa loro e si incotnrano per sbaciucchiarsi al cinema?

Senza contare i film che in sta merda di città non escono! Spirited Away secondo voi l’han trasmesso? Nooo era solo uno stupido cartone animato d’importazione. Una giapponeseria, come le chiama mio padre.
E quelli che nel graaandissssimo blockbuster di biella non ci sono … i racconti del cuscino ad esempio.

Quindi? Vorrà dire che riprenderò a fare punto croce invece che appassionarmi di cinema.

Ma che ministro del cazzo.

E gli 80 milioni di finanziamenti al "cinema italiano"? A chi andranno? A Tinto Brass? o a Vanzina?
E il cinema emergente continuerà a prostituirsi commercialmente per emergere davvero.

Che stato di merda!