a scuola stavo con i rifiutati
quelli considerati sfigati
senza vestiti firmati
gli altri tutti belli e sorridenti ma spenti
io scrivevo sul mio diario
credo nel mio club dei perdenti